Presentazione Mappe semantiche Lemmi testuali Contesti Indice dei testi
Indice dei grafi

Petrarca - Era il giorno ch'al sol si scoloraro
mappa testuale

    Era il giorno ch'al sol si scoloraro
per la pietÓ del suo Fattore i rai,
quando i' fui preso, e non me ne guardai,
chÚ i be' vostr'occhi, donna, mi legaro.
 

Era il giorno in cui al sole si oscurarono 
i raggi per il dolore e la pietÓ nei confronti del suo creatore,
quando io fui catturato ( da voi ), proprio mentre non stavo in guardia
dal momento che i vostri begli occhi, o donna, mi avvinsero.
Tempo non mi parea da far riparo 
contra' colpi d'Amor: per˛ m'andai
secur, senza sospetto; onde i miei guai
nel commune dolor s'incominciaro.


Non mi sembrava quello il tempo da cercar riparo
contro i colpi che Amore poteva portarmi; perci˛ andai 
sicuro, senza sospetto alcuno; e da quel momento i miei tormenti
iniziarono in mezzo al dolore comune ( per la morte di Cristo ).
Tr˛vommi Amor del tutto disarmato,
et aperta la via per gli occhi al core,
che di lagrime son fatti uscio e varco:

Amore mi trov˛ del tutto inerme,
attraverso gli occhi ( trov˛ ) aperta la via per penetrare nell'animo,
quegli stessi occhi che oggi danno spazio alle lacrime

per˛, al mio parer, non li fu onore
ferir me de saetta in quello stato,
a voi armata non mostrar pur l'arco.

del resto, a mio parere, non fu atto onorevole da parte d'Amore
colpirmi - ridotto in quella condizione - con una sua freccia 
ed a voi, armata ( capace di ferire ) non mostrare neppure l'arco.
( non essere toccata minimamente dal sentimento d'amore )


Home page