Gravitazione di popoli La Chiesa L'impero Il feudo Il comune Atlante storico Relazioni di sistema   Cronologia

Impero romano ai tempo di Augusto

Impero romano ai tempi di Diocleziano Impero romano ai tempi di Teodosio  I regni romano barbarici   L'espansionismo bizantino
  L'espansionismo arabo   L'espansionismo franco L'impero  sassone L'espansionismo normanno Dominazioni straniere nel sud d'Italia 

L'organizzazione territoriale dell'impero romano dal I al III sec d.C.

Il territorio dell'impero romano ai tempi di Augusto ( I sec d.C ) comprende tutte le coste del Mediterraneo: a nord il confine si riconferma lungo il Reno, a nord est sulla linea del Danubio. In Oriente Roma si sostituisce alle monarchie ellenistiche. Augusto governa l'impero centralizzando l'amministrazione e favorendo le Úlites locali. La pace, il sicuro sistema viario e il controllo dei mari favoriscono i commerci in tutta l'area mediterranea e in Europa. Sotto la casa Giulio - Claudia si organizza l'amministrazione imperiale e si ottengono vittorie militari sui Germani, si sottomette la Mauretania e la Britannia, si ottengono anche vittorie sui Parti. Traiano ( 98-117 ) porta l'impero alla sua massima estensione con l'acquisizione di Armenia e Cappadocia, in parte abbandonate da Adriano per rafforzare il limes. Le incursioni esterne iniziano con le azioni dei Parti in Asia e dei Germani sul Danubio, contro i quali interviene Marco Aurelio ( 161 - 180 ). All'inizio del III sec. Settimio Severo combatte nuovamente contro i Parti, minacciosi ad Oriente

Prima pagina