La cartografia  La concezione del mondo nel medioevo Il mappamondo medioevale di Vercelli I pellegrinaggi I pellegrini Gli itinerari
I modellini della Terrasanta La devozione della croce

I Sacri Monti

Bibliografia Il progetto. Collaborazioni

Anassimandro ed Ecateo

Discepolo di Talete fu  Anassimandro (c.a 610-546 a.C.), secondo la tradizione dossografica il primo a scrivere un libro intitolato Sulla natura (Peri physeos, inventore dello gnomone, uno strumento scientifico che consentiva di determinare gli equinozi e i solstizi. In particolare, Anassimandro pu essere considerato il fondatore della geografia scientifica in quanto fu il primo a disegnare una carta universale della terra ( pinax )  poi ripresa e perferzionata da Ecateo. Nella sua rappresentazione la terra rappresentata come un disco circolare piano, circondato dall'Oceano, nel cui centro posta la Grecia, e al centro della Grecia Delfi; questo disco consisteva nella parte superiore di un cilindro sospeso nello spazio e al centro di esso. 

Home page